Elio Bossi: Quale saluto inviarvi dalla Cina? Una scelta difficile

Elio-Bossi-1.gifAl nostro socio “pioniere” Elio Bossi, da anni residente a Pechino (impegnato per conto di gruppi internazionali e società di export), abbiamo chiesto qualcosa di "arduo", a quanto sembra: mandarci i suoi “saluti” dalla capitale cinese. Lui ci prova, ma con un’ampia premessa. Per cui dividiamo il suo contributo in due parti. Ecco la prima puntata:


PECHINO - Ricevo con piacere la richiesta di scrivere un breve articolo ispirato al luogo in cui vivo e lavoro; tuttavia... sono pervaso dai dubbi. Trattandosi di Pechino (20 milioni di abitanti), capitale della Cina (circa 1,36 miliardi di persone), molti dotti argomenti non  mancherebbero.
Potrei parlare di economia, dissertando sulle riduzioni previste nel PIL cinese, in calo da valori superiori al 10% nel recente passato al 9% circa previsto quest'anno, per arrivare al "drammatico" 8% ipotizzato per il 2012!
Qualcuno potrebbe osservare: a chi non vive in Cina, cosa interessano questi valori? Eppure dovrebbero interessare, poiché avranno un impatto sulle Borse di tutto il mondo. Ma sorvolo. 
Sempre nell'ambito economico, ci sarebbe da dire dell’inflazione, ormai arrivata (ufficialmente) al 6,5% e tenuta sotto controllo dalle Autorità locali con misure di raffreddamento economico e disincentivazioni verso certi investimenti, in particolare se speculativi.
Ma che dire, io (ingegnere) non sono un economista, e lascio volentieri questo campo a chi è più esperto di me. Potrei allora intrattenervi su attrattive turistiche oppure sullo spaventoso traffico veicolare e sulle automobili in circolazione (un milione di auto vendute nel 2010 nella sola Pechino), con un aumento nazionale delle vendite - anno su anno - del 32%. Ma siccome ci sono ormai troppe auto nelle grandi città del Paese, le Autorità stanno (incredibile ma vero) cercando di frenare le vendite con misure varie, per poter giungere così ad un "modesto" incremento del 6,5% previsto nel 2011. Numeri che, forse, un po' di invidia a Marchionne la faranno venire... Ma nemmeno sono un manager del settore auto e dunque evito di approfondire.
Altro tema: vivendo qui, sento sulla mia pelle gli effetti della bolla speculativa nel settore edilizio, con case e appartamenti che ormai costano come in centro a Parigi, Tokyo o Milano. Finché le bolle non scoppiano! Forse sarà come soffiare su una bolla di sapone, per non dire “sputare”, visto che i cinesi sono famosi per la loro abitudine di sputare ovunque: brutto argomento da trattare, passo oltre.
E allora potrei scrivere di export, dell'impatto che ha sull'economia del Paese e delle riduzioni previste causa crisi mondiale, che qui si sente poco. In proposito sono più ferrato, essendo il mio mestiere gestire una società di export dalla Cina al resto del Mondo. Ma lascio stare, sarei di una noia mortale. Che si esprimano pure gli esperti di Cina. A proposito, è impressionante il numero di esperti di “cose cinesi” in circolazione. Io stesso ne ho incontrati a centinaia, nei miei 7 anni di residenza pechinese. Ma si può capire, molti di loro erano già qui… da almeno due giorni!
Insomma, caro Presidente e caro Consiglio, mi avete messo in difficoltà con questa richiesta di scrivere un articolo. Finalmente però, dopo profonde pensate, ho deciso l'argomento. Sì, sono ragionevolmente sicuro che nessuno abbia ancora scritto nulla in proposito. È un soggetto sul quale avrei molto da raccontare, sviscerandone gli aspetti più reconditi, quelli storici, sociali, politici, economici e persino esistenziali.
Ma sono costretto a lasciarvi un po’ sulle spine, ci vuole tempo a sintetizzare il tema. Alla prossima quindi. E saluti dalla Cina.
Elio Bossi

Data di creazione: 18/02/2014 12:44
Ultima modifica: 01/03/2014 08:11
Categoria: - Dalla Cina
Pagina letta 5995 volte