Continuando a navigare su questo sito, accetti l'uso dei cookie per fornirti contenuti e servizi appropriati.
Note legali .
  hello_summer.gifLa vita finalmente rinasce ... Buona estate!

 
 
Sei qui: Home » Gaudenzio Rossi: I 150 anni dell'unità d'Italia
 
 

Gaudenzio Rossi: I 150 anni dell'unità d'Italia

GAUDENZIO ROSSI MANDA I SALUTI DALLO ZAMBIA

 

E’ probabilmente è l’unico, in Zambia, a portare il nome del nostro Santo Patrono! Gaudenzio (che bel nome novarese) ha alle Gaudenzio-Rossi-1.gifspalle una straordinaria carriera, è nato ad Ameno, 68 anni fa e risiede a Lusaka, capitale dello Zambia. La foto inviata dal nostro Socio (visibile anche nella galleria delle immagini) lo ritrae, due anni fa (il 2 giugno, festa della Repubblica italiana), con Kenneth Kaunda, il primo presidente dello Zambia.
Presiede istituzioni sociali e caritative, l’ospedale italo-zambiano e la scuola italiana internazionale. Premio “Piemontese nel mondo” 1994, ha istituito la locale sezione dell’associazione Piemontesi nel mondo. È anche Console onorario d’Ungheria: in tale veste è ritratto nella foto, mentre saluta l’ex presidente della Repubblica zambiana, L. Mwanawasa.
Lo Zambia, vasto due volte e mezzo l’Italia, ha solo 13 milioni di abitanti, per lo più dediti all’agricoltura e allo sfruttamento minerario.

In occasione dei festeggiamenti per i 150 anni dell’Unità d’Italia, abbiamo chiesto ad alcuni Novaresi nel Mondo di una certa età (sono pochi, perché il corpo sociale è molto giovane) di ricordare se possibile qualche episodio del Centenario del 1961. Abbiamo anche domandato loro, però, se e come riescono a seguire all’estero gli avvenimenti di questo anno speciale. L’immagine a corredo di questo testo è la copertina del volumetto del maggio 1961, che fu distribuito nelle scuole superiori (nel caso specifico al liceo classico Carlo Alberto), contenente una serie di saggi e documenti sul Risorgimento. Significativa la coccarda tricolore.

Ecco, sotto, quanto ci scrive "Enzio" Rossi:

CARI NOVARESI,
Gaudenzio-Rossi-2.gifRicordo bene il 1961 perché ero ancora in Italia. Ma l’anno dopo sarei partito per la Svizzera iniziando così la mia carriera nel settore alberghiero. Nel ’61 le preoccupazioni riguardavano soprattutto il lavoro, che non si trovava, e la mia famiglia, con una madre vedova e un fratello disabile e senza alcuna occupazione.
Dopo la Svizzera (Ginevra) sono stato nelle Channel Islands, al largo delle coste francesi ma appartenenti all’Inghilterra. Poi sono passato in Scozia, nella famosa cittadina di St. Andrews, la patria del golf.
Sono giunto in Zambia dal 1978. A Lusaka dirigo un albergo e mi occupo molto di attività caritative. Devo dire che qui nella capitale si celebra il 150° dell’Unità d’Italia presso il Circolo Italiano (tra l’altro io ho fondato la locale Associazione Piemontesi nel Mondo).
A Lusaka abbiamo anche una Scuola Italiana, che è diventata ultimamente Internazionale perché in realtà di bambini italiani non ce ne sono molti: io sono il presidente di questa istituzione. Esiste inoltre un Ospedale italo-zambiano (pure in questo caso ne sono presidente), specializzato in ortopedia per disabili.
Ciao,
Gaudenzio

Data di creazione: 18/02/2014 12:11
Ultima modifica: 01/03/2014 09:40
Categoria: - Dallo Zambia
Pagina letta 6328 volte